Salute

Aifa: Ritirato famoso farmaco per la pressione: “Rischio alto non assumetelo se lo avete in casa”

Aifa: Ritirato famoso farmaco per la pressione: “Rischio alto non assumetelo se lo avete in casa”

C’è un’allerta di un farmaco per la cura della pressione alta (ipertensione arteriosa) e conseguente ritiro dal mercato e sospensione di vendita. Ultimamente ci sono stati troppi ritiri di farmaci come ha comunicato l’Aifa. Anche se temporaneamente, la comunicazione della ditta Laboratori Alter, parla di sospensione temporanea della commercializzazione da tutto il territorio nazionale. Non si conoscono i lotti perché la sospensione riguarda tutto il medicinale in commercio, ma andiamo a vedere di cosa stiamo parlando.

Aifa: Farmaco per pressione alta ritirato

Stiamo parlando del farmaco Lisinopril e Idroclorotiazide Alter, p.a. Lisinopril disidratato e idroclorotiazide, il numero di AIC è 038577019 20 mg/12,5 mg compressa 14. Il Lisopril è un medicinale antipertensivo, che abbassa la pressione sanguigna. Sarà ritirato dal mercato e di conseguenza non più disponibile dal primo ottobre 2019, non se ne sa niente, ne il motivo del ritiro, ne se verrà sostituito.

A motivo precauzionale, ci sentiamo di dire e consigliare al consumatore già da adesso di non acquistarlo più, annunciare la sospensione del farmaco e non dire il motivo, ci fa tutti un po’ sospettare, incuriosire e anche preoccupare.

Ministero Salute, Detersivo nella famosa marca di Birra: “Può causare lesioni, non bevetela”

E’ allerta in Europa per un tipo di birra tedesca contenente detergenti. L’Ufficio federale della sicurezza alimentare tedesco ha comunicato il ritiro del prodotto in questione, in quanto non si escludono importanti rischi per la salute.

La birra in commercio è la Franken Brau Pilsener che è risultata contaminata da detergenti (lisciva), e dunque il produttore ha ritenuto opportuno ritirarla da tutti i punti vendita, anche quello online. La birra incriminata, nello specifico, è prodotta dalla famosa birreria Frankenbräu Lorenz Bauer GmbH & Co. KG con sede in Germania Neundorf 41, 96268 Mitwitz.

La segnalazione è stata diffusa anche attraverso il sistema di allerta europeo, dunque tutti i Paesi interessati, compreso l’Italia, hanno ricevuto la notizia e si sono attivati per verificare che il produttore abbia ritirato la birra dagli scaffali di tutti i punti vendita, informando i consumatori.

Come si legge nella nota del Ministero tedesco, il prodotto è stato ritirato dagli scaffali ed è stato avviato il richiamo della birra; i cittadini, inoltre, sono invitati a non consumare la bevanda se già acquistata.

Entra anche tu nel gruppo Facebook del Ministero della Salute

Come precisa il produttore il richiamo è volontario, in quanto “la qualità della nostra birra è nostra priorità assoluta”. La decisione del ritiro della bevanda è avvenuta “durante un controllo di routine, che ha permesso di identificare un difetto tecnico per il quale non si esclude che nel prodotto venduto dalla nostra birreria con la data di scadenza 05-05-2020 possono essere incluse impurità di agenti detergenti.

L’assunzione di tale birra contaminata può causare lesioni. Per questo motivo, vi invitiamo a riportare queste birre nella nostra fabbrica o nel negozio dove sono state acquistate. Naturalmente, i prodotti restituiti saranno sostituiti”. L’allerta è stata lanciata dalla Germania attraverso il Sistema rapido di allerta europeo alimenti (RASFF) riportata dal portale del governo tedesco su Lebensmittelwarnung.de.

Continua a leggere altre notizie su Piudonna.it e dal tuo cellulare su Facebook, Instagram e Google News.