Cucina

La pasta e fagioli di Bruno Barbieri: “Ecco il mio segreto per farla cremosa, cosa aggiungo nell’acqua” Una Esplosione di gusto

Lo chef Bruno Barbieri che stiamo rivedendo in questo periodo su Sky come giudice di Masterchef propone sempre piatti semplici e della tradizioni ma rivisitati con quel tocco in più che li rende unici e speciali oltre che super gustosi. Oggi propone sul suo seguitissimo Blog,  la ricetta della pasta e fagioli. Una Minestra di pasta e fagioli, un classico della tradizione culinaria italiana, rivisitato in chiave emiliana con l’aggiunta del graspistè (letteralmente grasso pestato). Un piatto dall’aroma e dal sapore inteso, nel quale il gusto dei fagioli sposa quello del maiale e crea un piatto perfetto per riscaldare il palato durante la fredda stagione invernale.

Leggi anche—>  Paccheri con cacio e cannella: il tocco magico dello chef Cannavacciulo

Minestra di pasta e fagioli con soffritto caldo alle erbe, quenelle di graspistè

Ingredienti per 4 persone

  • 400 gr fagioli borlotti
  • 300 gr di pasta fresca
  • Cotica di maiale
  • 200 gr di lardo
  • Concentrato di pomodoro
  • 1 cipolla
  • 2 carote
  • 1 patata
  • 1 costa di sedano
  • Brodo vegetale
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 rametto di rosmarino

In una padella con un filo d’olio, rosolare per bene una carota, una costa di sedano, una cipolla ed un pezzo di cotica di maiale, aggiungendo un rametto di rosmarino per aromatizzare il tutto. Versare nella stessa padella i fagioli borlotti già puliti ed una patata tagliata a cubetti e lasciare cuocere per 10 minuti a fuoco basso, mescolando di tanto in tanto. Aggiungere un cucchiaino di concentrato di pomodoro, del brodo vegetale e cuocere il tutto per 30-40 minuti. Una volta che la zuppa è cotta, frullarne la metà in un frullatore a bicchiere e lasciare da parte.

Battere il lardo a coltello insieme al rosmarino e all’aglio in modo che si aromatizzi per bene. Successivamente con il lardo andremo a creare una quenelle decorativa, aiutandoci con due cucchiai. Cuocere 300 gr di ditali freschi nella padella con la parte di fagioli non frullati per circa 4 minuti (se utilizziamo pasta fresca). Una volta che i ditali sono cotti, impiattarli aggiungendo il composto di fagioli frullato in precedenza e decorare il piatto con la quenelle di graspistè. Ti è piaciuta la ricetta? Condividila e manda le tue foto nel gruppo Facebook: Le ricette consigli e trucchi degli chef,

LEGGI ANCHE—> Pasta fagioli e cozze: I segreti di Antonino Cannavacciuolo per farli super cremosi. Un primo super goloso per ogni stagione

Tratto dal Blog di Bruno Barbieri