Fatti Esteri

Trema la politica, Caso di incesto clamoroso : “Lui è venuto nel mio letto e mi ha detto, vedrai, è una cosa che tutti fanno” Pronte le dimissioni. Scoppia il caos

È una storia di silenzi, accuse e incesti quella della famiglia Kouchner in Francia. Camille Kouchner, 45 anni, avvocata e figlia di Bernard Kouchner, medico umanitario ed ex ministro degli Affari Esteri, sta per pubblicare un libro con delle rivelazioni scottanti sul suo patrigno, Olivier Duhamel, 70 anni, celebre politologo parigino e deputato europeo socialista dal 1997 al 2004. L’uomo, che fino a ieri pomeriggio era il presidente della prestigiosa “Fondation nationale des sciences politiques”, si è dimesso pochi minuti dopo che i giornali francesi hanno cominciato a pubblicare i primi estratti del libro di Camille, La familia grande.

L’avvocata racconta che dopo il divorzio dei genitori, a partire dagli otto anni, è cresciuta con il fratello maggiore Julien, con il gemello, sua madre Evelyn Pisier e il suo secondo marito, Duhamel, divenuto il pilastro della famiglia in seguito al suicidio dei nonni materni e all’alcolismo di Evelyne. Nel libro che uscirà giovedì, però, Camille Kouchner, rivela un pesante segreto di famiglia: gli abusi sessuali subiti oltre trent’anni fa dal fratello gemello a opera del patrigno. Come riporta il Corriere della Sera, c’è anche un primo racconto di quando il fratello aveva 14 anni e l’incesto praticato dal patrigno andava avanti ormai da un anno: “E’ venuto nel mio letto e mi ha detto: ‘Ti insegno io. Vedrai, lo fanno tutti’. Mi ha accarezzato e poi, sai…”.

Il ragazzo fece promettere il silenzio sull’incesto

Il ragazzo fece promettere il segreto alla gemella. Fino al 2008, quando i due svelarono gli abusi al fratello maggiore Julien e alla madre. Quest’ultima, però, non si mostrò sorpresa: “Gli dispiace, sai. E poi, non c’è stata sodomia. Il ses*o orale è comunque una cosa ben diversa”. Dopo la morte della madre nel 2017, Camille decide di rivelare tutto con il libro che sta per arrivare nelle librerie francesi. “A te che discetti alla radio, a te che fai dono delle tue analisi agli studenti e ti pavoneggi negli studi tv, adesso ti spiego che avresti potuto, almeno, scusarti.

Prendere coscienza e preoccuparti. Adesso ti ricordo che, invece, mi hai minacciata. Messaggio sulla mia segreteria telefonica: ‘Mi uccido’”, ha scritto la Kouchner. “Non potevo più tacere” ripete Camille Kouchner, avvocata e docente di diritto privato, nel suo libro – scritto in gran segreto – “La Familia grande”, che sarà pubblicato in Francia giovedì prossimo.  “Questo libro – ha spiegato l’autrice in un’intervista a L’Obs – è nato da questa necessità: testimoniare sull’incesto per dimostrare che si tratta di qualcosa che dura anni ed anni e che è molto, molto difficile superare il silenzio.

Non l’ho scritto in nome di mio fratello, ma delle sorelle, dei nipoti, di tutte le persone che hanno subito l’incesto”. “Non ho nulla da dire – è stata l’unica reazione di Duhamel – su ciò che, in ogni caso, verrà deformato”. La Pisier aveva avuto i gemelli da un primo matrimonio con Bernard Kouchner ma, con l’obiettivo di proteggere il suo secondo marito Olivier Duhamel, scelse anche lei il silenzio sull’incesto subito dal figlio. “Sono rimasta sorpresa dalla violenza di mia madre – dice l’autrice del libro nell’intervista – dal suo rifiuto di ammettere. Questa violenza mi ha rinchiuso ancora di più nel mio silenzio”.  Commenta il fatto, Entra nel gruppo di Chi l’ha visto

LEGGI ANCHE—> Sarah Scazzi, Caso riaperto. Dopo anni trovate le pagine strappate del suo diario segreto. “Ecco perchè è stata uccisa” finalmente la verità