Fatti

Panico a Torino: Docente preso a pugni davanti ai genitori, non riesce a scappare e sviene, la corsa all’ospedale

Panico a Torino: Docente preso a pugni davanti ai genitori, non riesce a scappare e sviene, la corsa all’ospedale

Ha colpito l’insegnante di sostegno con un pugno, sotto gli occhi sorpresi di mamma e papà. Ora rischia una lunga sospensione mentre il docente, medicato al pronto soccorso, guarirà in quindici giorni.

E’ accaduto lunedi nella succursale di Chivasso, nel Torinese, dell’istituto agrario “Carlo Ubertini” di Caluso.
L’insegnante di sostegno, 25 anni, aveva convocato i genitori del quindicenne – allievo della prima – per chiedere conto a loro dell’aggressività del loro figlio.

Il giorno prima l’insegnante era intervenuto per salvare il ragazzo di un’altra classe dalla furia del quindicenne che, frequentatore di una palestra di kickboxing, appare più grande della sua età.

Mentre era in corso il chiarimento con i genitori, il ragazzo ha colpito l’insegnante con un pugno. Il docente è uscito stordito dall’aula per sottrarsi alla furia dell’allievo, ma poi è caduto svenuto nel corridoio, battendo la testa contro lo stipite della porta dell’aula insegnanti.

I genitori hanno bloccato il figlio, sia pure a fatica, mentre altri insegnanti soccorrevano il docente. Accompagnato all’ospedale il professore è stato giudicato guaribile in 15 giorni. Oggi il consiglio di istituto si riunisce per decidere i provvedimenti nei confronti del ragazzo. Si ipotizza una lunga espulsione.