Scuola

Scuola a lutto, muore il prof Gianni, aveva solo 35 anni e un figlia piccola. “Abbiamo provato a salvarlo”

Scuola a lutto, muore il prof Gianni, aveva solo 35 anni e un figlia piccola. “Abbiamo provato a salvarlo”

Fra poco più di un mese non tornerà in cattedra ad insegnare ai suoi amati studenti. È stata identificata la vittima della tragedia che ha scosso la comunità di Casanova, frazione di Carinola, e Sant’Andrea del Pizzone, frazione di Francolise. Si tratta di Gianni Cardillo originario di Sant’Andrea del Pizzone appena 35enne ed insegnante.

Secondo la ricostruzione di un testimone l’uomo mentre attraversava il centro cittadino a Casanova si é portato una mano al petto poco prima di perdere i sensi ed accasciarsi al suolo. Si tratterebbe di un arresto cardiaco.

La salma é stata traslata all’istituto di medicina legale di Caserta per effettuare l’esame autoptico che determinerà con certezza le cause di una morte prematura e sconvolgente.

Giovanni Cardillo lascia una figlia di quattro anni. Staremo a vedere se nelle prossime ore emergeranno ulteriori particolari e se si procederà con l’esame autoptico per chiarire le cause del decesso.

Sono diverse le informazioni che ci sono giunte a riguardo, soprattutto da parte dei suoi amici e compaesani. Conosciuto come un ragazzo d’oro, è stato definito “La bontà fatta persona“. Del resto, anche in ambito professionale, Gianni era molto stimato. Era docente presso l’Istituto Alberghiero di Teano, figlio di Giuseppina Palmiero, Dirigente Scolastico in pensione, e cugino, tra l’altro, dell’assessore comunale presso il comune di Teano, Nicola Palmiero.

Anche per questo, al di là della sua bontà d’animo e per l’estrema passione che metteva nella sua professione, la notizia della morte di Gianni ha suscitato sgomento in diverse comunità:  non soltanto a Sant’Andrea del Pizzone, frazione di Francolise dove lui era residente, con la moglie e la piccola figlia, ma anche, appunto, nella comunità sidicina.

Inoltre, grosso sgomento si è diffuso nella comunità casanovese: sono diversi i cittadini che ieri hanno assistito increduli e, secondo quanto si apprende, alcuni di oro hanno cercato in tutti i modi di salvargli la vita. Al momento, la salma di Gianni Cardillo si trova a Caserta, e si resta in attesa di capire se e quando sarà disposto l’esame autoptico.

Continua a leggere

Seguici, basta un like!