Fatti Esteri Gossip

“Ylenia è viva ma spaventata a morte e non può tornare” Confessione choc e foto inedite della figlia di Al Bano e Romina. Eccole

“Ylenia è viva ma spaventata a morte e non può tornare” Confessione choc e foto inedite della figlia di Al Bano e Romina. Eccole

Ylenia Carrisi il 29 novembre avrebbe compiuto 49 anni. E mamma Romina Power non si rassegna al dolore della scomparsa della figlia, che lei ritiene esse3re ancora viva. Al punto da lanciare nuovi appelli sui social e in tv. Pubblicando anche nuova immagini inedite della figlia

IL MISTERO – Eppure sono ormai passati venticinque anni da quando Ylenia  scomparve nel nulla da New Orleans, dopo aver incontrato il musicista di strada Alexander Masakela. La famiglia riuscì a sentirla l’ultima volta a fine dicembre del 1994. Poi più nulla. L’ipotesi più accreditata è che fosse finita nelle acque del Mississipi. E nel tempo si sono rincorse voci di avvistamento sempre risultate infondate. Si era pure ipotizzato che fosse stata vittima di un serial killer, ma il dna lo ha smentito. Albano ne ha fatto dichiarare la morte presunta nel 2014.

LA BATTAGLIA DI ROMINA – Romina invece non si è mai arresa. Ogni anno, in occasione del compleanno della figlia, posta una sua immagine ricordo. E nelle ultime due settimane ne ha caricate tantissime su Instagram con gli hastag #missingperson, #missing e #yleniacarrisipower, segno che ancora spera che qualcuno la rintracci e glielo segnali. Sono foto accompagnate da dolci dediche, in cui si rivolge direttamente a lei o ne esalta le qualità: “Più solare del sole, la mia Ylenia. Naturalmente bella sia internamente che esteriormente”.

L’APPELLO IN TV – A Chi l’ha visto? è così anche giunto un nuovo appello: “Il mese di novembre lo considero il mese di Ylenia perché in questo è nata. In questo mese, io posto una sua fotografia ogni giorno, nel caso qualcuno la riconosca. Mi rendo conto che sono passati 25 anni dalla sua scomparsa, ma nel cuore di una madre la speranza non muore mai. La speranza di poterla riabbracciare”. Lì hanno anche mostrato come sarebbe oggi il volto di Ylenia. Romina ha precisato di aver parlato personalmente con Albert Cordova, l’uomo che vide una giovane come Ylenia gettarsi nel Mississipi, ma che nel racconto non combaciavano abbigliamento, stivali, perfino la capigliatura della figlia. Discrasie che la fanno ancora sperare.

Ylenia rapita: la nuova pista del detective della squadra omicidi

Ylenia Carrisi, la prima figlia di Al Bano e Romina Power potrebbe essere ancora viva a 24 anni dalla scomparsa. Questo è quanto afferma il detective della squadra omicidi del dipartimento di polizia del New Orleans, la notizia raggiunge la coppia mentre è impegnata in un tour. Il sito Starlettime riporta le seguenti dichiarazioni dell’investigatore americano: “Ylenia è viva. Abbiamo dei nuovi indizi su dove si possa trovare ma non possiamo fornire ulteriori dettagli, dato che l’indagine è ancora in corso”, pare dunque che il caso Ylenia sia stato riaperto. Al momento della scomparsa, la ragazza si trovava a New Orleans e l’ultimo contatto con la famiglia risale al 31 dicembre 1993.

La premessa è d’obbligo: non ci sono conferme sulla riapertura del caso di Ylenia Carrisi. È bene precisarlo in tempi nei quali le indiscrezioni corrono più veloci dei riscontri effettivi. E allora armandoci di condizionale raccontiamo quello che sta accadendo nelle ultime ore. Si è tornati a parlare della figlia di Al Bano Carrisi e Romina Power, che è scomparsa 24 anni fa. Le indagini ripresero nel 2014, quando Al Bano presentò al tribunale di Brindisi una dichiarazione di morte presunta. All’epoca si credeva che Ylenia si trovasse in un convento greco-ortodosso di Phoenix, in Arizona.

Poi un serial killer dichiarò di aver ucciso una ragazza con uno zaino in spalla che faceva l’autostop per il Nevada o la California. Qualche mese fa è stato prelevato un campione di dna per confrontarlo con quello di Ylenia, ma sembra non esserci riscontro. Ora ulteriori rilievi di indagine mettono in luce come, in quel periodo e in quella zona, fossero sparite diverse ragazze.

Ylenia è stata vista per l’ultima volta il 6 gennaio dalla proprietaria dell’albergo ove la ragazza aveva abbandonato tutti i suoi effetti personali. La Carrisi condivideva la stanza con Alexander Masakela che, non solo non ne denunciò la scomparsa, ma rimase in albergo fino al 14 gennaio: tentò di pagare il vitto con gli assegni turistici di Ylenia.

All’epoca qualcuno giurò di averla vista annegare nel Mississippi, altri di averla veduta per le vie della città pochi giorni dopo, ulteriori sedicenti personaggi affermarono che Ylenia era stata drogata e “venduta” a un non ben identificato racket. E a quanto pare le nuove indagini stanno percorrendo proprio questa strada, anche perché la ragazza aveva dichiarato poco prima della sua scomparsa di avere paura di “qualcuno” anche se non aveva rivelato il nome.

Alexander Masakela, un trombettista dal passato decisamente nebuloso, interrogato dalla polizia affermò con risolutezza che non sapeva assolutamente dove si trovasse la giovane ma che era certo che fosse viva. L’uomo, all’epoca 54enne, venne in seguito arrestato perché accusato di stupro da una delle sue donne. Alexander sostenne che la fatidica sera del 6 gennaio la figlia di Al Bano e Romina Power restò ad osservarlo suonare la sua tromba su Royale Street, nel quartiere francese, per poi ad allontanarsi per passeggiare come di consueto: “Nel luglio scorso sono stato io a confortarla ed aiutarla dopo che un uomo l’ aveva spaventata a morte durante una notte trascorsa all’ Armstrong Park” osservò a sua discolpa.

Al Bano e Romina concordano su una cosa: il trombettista è uno spirito del male e non possono credere che abbia riportato la verità sui fatti intercorsi durante quella tremenda giornata. Il primo dicembre 2014 Albano ha presentato al tribunale di Brindisi una dichiarazione di morte presunta contro la volontà della madre.

Nel 1996 le dichiarazioni rilasciate da un serial killer, Keith Hunter Jesperson, conosciuto come Happy Face Killer, riaprirono il caso: il soggetto aveva sostenuto di aver ucciso una ragazza con uno zaino in spalla che faceva l’autostop per il Nevada o la California estremamente simile alla Carrisi. Le investigazioni successive hanno negato ogni suo coinvolgimento nel caso. A New Orleans il tasso di sparizioni della ragazze è altissimo: le indagini stanno cercando di recuperare il tempo perduto, di comprendere che fine hanno fatto.

Secondo le dichiarazioni del detective della squadra omicidi di New Orleans Police Departement la famiglia può continuare a sperare: “Ylenia Carrisi è viva. Abbiamo nuovi indizi su dove si trovi ma non possiamo fornire ulteriori dettagli, visto che l’indagine è ancora in corso”. Al Bano e Romina per il momento non hanno fatto alcun commento sulla notizia, la loro reazione è quella del silenzio. Nessun cenno nemmeno dalla Power sulla sua pagina Instagram dove però ha pubblicato una foto-ricordo dei suoi genitori.

Continua a leggere

Seguici, basta un like!