Scuola

“Addio alle classi pollaio e aumento stipendio ai docenti” Ecco il programma Scuola del Conte Bis

“Addio alle classi pollaio e aumento stipendio ai docenti” Ecco il programma Scuola del Conte Bis
“Occorre tutelare i beni comuni, a partire dalla scuola pubblica: è necessario intervenire contro le classi troppo affollate e valorizzare, anche economicamente, il ruolo dei docenti, potenziare il piano nazionale per l’edilizia scolastica e garantire la gratuità del percorso scolastico per gli studenti provenienti da famiglie con redditi medio-bassi, contrastare la dispersione scolastica e il bullismo”.
Questo è il testo riguardante la scuola nel programma del Governo Bis di Giuseppe Conte. Intenti che però non soddisfano le aspettative del comparto scuola, poichè troppo generici e che non accennano ai problemi del precariato. Vediamo gli altri punti di programma

IL FISCO
La legge di bilancio per il 2020 avrà come priorità la neutralizzazione dell’aumento dell’IVA, misure di sostegno alle famiglie e ai disabili, politiche per l’emergenza abitativa, misure di deburocratizzazione e di semplificazione amministrativa, il rafforzamento degli incentivi per gli investimenti privati, per «una politica economica espansiva, che indirizzi il Paese verso una solida prospettiva di crescita e di sviluppo sostenibile, senza mettere a rischio l’equilibrio di finanza pubblica».

CUNEO FISCALE, LAVORO, GIOVANI E FAMIGLIE
Il governo si impegna a ridurre le tasse sul lavoro (il cosiddetto «cuneo fiscale»), a totale vantaggio dei lavoratori; individuare una retribuzione giusta (cosiddetto «salario minimo»); ad approvare una legge sulla rappresentanza sindacale, sulla base di indici rigorosi. I giovani sono indicati come «vera risorsa per il futuro del Paese»: si prevedono incentivi al rientro di quelli che sono andati via e politiche di welfare per i meno abbienti, oltre ad aiuti per le famiglie (assegno unico) ed i minori. La riforma fiscale dovrà puntare all’alleggerimento della pressione fiscale e alla rimodulazione delle aliquote. Previste tutele per i riders.

UE E FLESSIBILITÀ
«Il Governo si adopererà per promuovere le modifiche necessarie a superare l’eccessiva rigidità dei vincoli europei. Abbiamo bisogno di un’Europa più solidale, più inclusiva, soprattutto più vicina ai cittadini». L’Italia promuoverà un «multilateralismo efficace».

IMMIGRAZIONE
Va riformato il Regolamento di Dublino, superando una logica puramente emergenziale della gestione dei flussi migratori. La disciplina in materia di sicurezza dovrà essere rivisitata, alla luce delle recenti osservazioni del presidente della Repubblica.

IL GREEN NEW DEAL
Il governo vuole «un radicale cambio di paradigma culturale» che porti a inserire la protezione dell’ambiente e della biodiversità tra i principi fondamentali del nostro sistema costituzionale. Sempre in tema ambientale, lo stop al rilascio di nuove concessioni per la trivellazione e ai nuovi inceneritori. LE RIFORME. Taglio dei parlamentari e, in conseguenza della sua approvazione, la riforma della legge elettorale. GIUSTIZIA. C’è l’impegno a riformare il metodo di elezione del Csm.

LE AUTOSTRADE
Al punto 22 c’è l’impegno a avviare «la revisione delle concessioni autostradali, confermando il piano tariffario unico».

SCUOLA E WEB. Accanto all’impegno alla tutela della scuola pubblica, indicata come primo tra i beni comuni, c’è quello al riconoscimento della cittadinanza digitale a ogni cittadino italiano sin dalla nascita, riconoscendo – tra i diritti della persona – anche il diritto di accesso alla rete. Arriva anche una spinta per le start up innovative.

Questa è la versione definitiva del programma che il premier incaricato Giuseppe Conte porterà al Quirinale all’attenzione di Sergio Mattarella. Il programma è stato concordato da Pd e M5S ed è articolato in 29 punti. ( in basso il Pdf con il testo completo)

Continua a leggere

Seguici, basta un like!

Il Testo completo del PROGRAMMA GOVERNO 4 settembre 2019