Fatti

Auguri di fine anno: “Attenzione agli Stickers nei messaggi”: la polizia postale lancia l’allarme. Il pericolo è alto

Auguri di fine anno: “Attenzione agli Stickers nei messaggi”: la polizia postale lancia l’allarme. Il pericolo è alto

La Polizia Postale ha messo in guardia i genitori ed i ragazzi dall’uso degli “stickers”. Quando si usano piattaforme di messaggistica istantanea posso essere inviati oltre ai soliti messaggi di testo, foto o video anche degli adesivi che sono gratuiti. Non sempre gli stickers sono simpatici o divertenti, a volte sono offensivi, violenti, discriminatori, antisemiti ed anche pedopornografici. Il problema sussiste quando i ragazzi, soprattutto i minorenni, si scambiano questi adesivi nelle chat di gruppo. La polizia Postale ha dato dei consigli semplici, ma efficaci per tutelarsi.

“Postate con la testa”: le raccomandazioni ed i consigli della Polizia Postale

Sono sopratutto giovani e giovanissimi che usando le chat si inviano gli stickers. Una moda del momento che può far male. Questi adesivi possono essere scaricati gratuitamente o creati e poi condivisi e possono nascondere un lato negativo, se si fa un uso improprio diffondendo adesivi digitali dai contenuti illeciti (pedopornografici, xenofobi, discriminatori, etc.), si può incappare in un reato grave.

Anche WhatsApp ha offerto la possibilità di utilizzare accanto alle emoji, gif e pacchetti di stickers messi a disposizione dall’applicazione stessa, anche la possibilità di crearne di personalizzati, ricavandoli da fotografie reali, tramite diverse App gratuite, disponibili per IOS e Android, che ne consentono la modifica, come riportato anche dal sito della Polizia Postale.

Ed è proprio dalla Polizia Postale che viene lanciato un appello a tutti gli utenti della messaggistica istantanea: “Postate con la testa“. Inoltre vengono dati dei consigli su come comportarsi nell’uso di questi stickers. I consigli sono per gli insegnanti ed i genitori, ma anche per i ragazzi.

Consigli per i genitori ed insegnanti:

• sensibilizzare i ragazzi ad un uso consapevole della Rete e, in particolare, dei sistemi di instant messaging (Whattsapp, Telegram……..);
• vigilare sul materiale (video, foto, stickers..) che i ragazzi condividono;
• rivolgersi alle Forze dell’Ordine per segnalare situazioni riconducibili a tale fenomeno e/o per chiedere consigli (https://www.commissariatodips.it/).

Per i ragazzi:

• non create nè partecipate a “gruppi” il cui fine è la diffusione di immagini a sfondo sessuale, razzista ed offensive nei confronti di persone diversamente abili;
• non diffondete o scaricate stickers di tale contenuto;
• se siete a conoscenza che avvengano tali “fenomeni” tra i vostri amici, parlatene con un adulto di riferimento (genitore, docente, allenatore…..);
• non esitate a contattarci sul nostro sito www.commissariatodips.it, per avere utili consigli;

Continua a leggere

Per restare sempre aggiornato, aggiungi ai tuoi contatti su smartphone il numero 3512269204 e invia un messaggio WhatsApp con testo “NEWS”. Il servizio è completamente gratuito! In qualsiasi momento sarà possibile disdirlo inviando un messaggio con testo “STOP NEWS” allo stesso numero.

Seguici, basta un like!

Continua a leggere altre notizie su Piudonna.it e dal tuo cellulare su Facebook, Instagram e Google News.