Scuola

Diplomati magistrale, fortunati o sfortunati? Ecco chi dovrà ripetere l’anno di prova e a chi invece sarà convalidato

Diplomati magistrale, fortunati o sfortunati? Ecco chi dovrà ripetere l’anno di prova e a chi invece sarà convalidato

FONTE: SCUOLAINFORMA

In questi giorni gli insegnanti neoassunti dell’anno scolastico 2018/2019, hanno sostenuto o dovranno sostenere la discussione finale, per poter concludere l’anno di prova e confermare dunque il ruolo. Con riferimento invece ai diplomati magistralineoassunti in ruolo con riserva, si presentano due casistiche diverse.

Diplomati Magistrali con ricorso ancora pendente

Il riferimento è ancora una volta ai Diplomati Magistrali, molti dei quali hanno ancora un ricorso pendente e sono in attesa della decisione di merito. Coloro che hanno avuto la fortuna di essere assunti da Gae, e sono riusciti a superare l’anno di prova, portandolo a termine e con tanto di valutazione positiva della discussione finale, ha una certezza: il ruolo per il momento è confermato, seppur ancora con riserva.

E qualora dovesse arrivare un esito negativo nella sentenza di merito, perderanno (provvisoriamente) il ruolo, ma non sarà stato vano il superamento dell’anno di prova. Se avranno partecipato al Concorso Straordinario, quando saranno assunti a pieno titolo dalla graduatoria di merito regionale, non dovranno risostenere l’anno di prova stesso, che sarà ritenuto già valido e superato.

Diplomati magistrale depennati

Un altro caso invece è quello dei Diplomati Magistrali depennati a seguito di sentenza di merito negativa intercorsa ad anno scolastico non ancora ultimato. Questa situazione è diversa dalla precedente.

Il caso che possiamo prendere a riferimento si è verificato quest’anno, e riguardava proprio un gruppo di Dm in ruolo conriserva dall’a.s 2018/2019, che stavano svolgendo le attività previste per il superamento dell’anno di prova. Ad aprile, e dunque ad anno scolastico quasi concluso, è stato predisposto il depennamento dall’Usp di riferimento (Usp Pavia per esattezza) per decisione di merito negativa.

La conseguenza è stata la perdita del ruolo e l’annullamento dell’anno di prova in corso. E ciò comporterà anche che, a seguito di eventuale assunzione dalle GMR straordinarie, l’anno di prova andrà ripetuto.