Scuola

Diplomati Magistrale: La nuova sentenza del 2 aprile scatena la guerra tra loro. Ecco i post Dm Vs Dm

Diplomati Magistrale: La nuova sentenza del 2 aprile scatena la guerra tra loro. Ecco i post Dm Vs Dm

Il 2 aprile 2019 ci sarà la pronuncia definitiva del Tar Lazio, relativamente al ricorso promosso per l’annullamento del bando del concorso straordinario per infanzia e primaria nella parte in cui, all’art. 3, recante i “requisiti di ammissione”, ha previsto che possano accedere alla procedura concorsuale i candidati in possesso del titolo di abilitazione per insegnare nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria (laurea in scienze della formazione primaria o diploma magistrale con valore di abilitazione), ma soltanto se hanno svolto, nel corso degli ultimi otto anni scolastici, almeno due annualità di servizio specifico rispettivamente sulla scuola dell’infanzia o primaria presso le istituzioni scolastiche statali.

Come è noto il TAR del Lazio, nella giornata di sabato 16 febbraio, ha pubblicato una sentenza, riferita a ricorsi proposti da legali, con la quale ha riassunto complessivamente l’intera questione del concorso rigettando ogni domanda volta all’ammissione e ritenendo legittimo il requisito del servizio biennale.

Avverso tali decisioni è stato proposto appello ma sono già  avvenute delle aperture per alcune categorie di docenti:

– coloro che  possediano il requisito dei due anni ma in scuole comunali anzichè statali. Sul punto il TAR ha rinviato al 2 aprile imponendo al MIUR di relazionare al fine di comprendere le ragioni dell’esclusione.
– – coloro che  possediano il requisito dei due anni di servizio ma quali insegnanti di religione e non con servizio specifico curriculare. Sul punto il TAR ha rinviato al 2 aprile imponendo al MIUR di relazionare al fine di comprendere le ragioni dell’esclusione.
– coloro che non  possiedono il diploma magistrale ma il titolo di educatori. Sul punto ha rinviato al 7 maggio in sede di udienza pubblica.
Ma intanto a tal proposito è già guerra tra gli stesi diplomati magistrale. Ecco solo alcuni dei commenti che si leggono su Facebook