Scuola

Formazione a costo zero con il nuovo Blog di Salvo Amato: “Pillole di informatica per i docenti”

il blog di Salvo Amato

Formazione a costo zero con il nuovo Blog di Salvo Amato: “Pillole di informatica per i docenti”

Nasce il Blog di Salvo Amato, presidente di Professione Insegnante e voce di molti docenti in diverse battaglie per la scuola nonché esperto di Coding. Questo il link al blog

In maniera totalmente gratuita il prof Amato offre la possibilità, attraverso il suo blog, ai colleghi e non solo, di partecipare a seminari online o lezioni per conoscere meglio il mondo del web e poter lavorare senza difficoltà con gli strumenti informatici sempre più indispensabili nella scuola. Formazione a costa zero insomma, per aiutare gli insegnanti a districarsi nel mondo del web e della digitalizzazione.

Come spiega lo stesso creatore del sito: “Il blog tratta di informatica per la didattica. Tra gli articoli ci sono tutorial, proposte di uso di vari strumenti per gli insegnanti 2.0. Lo slogan del blog è ‘informatica liofilizzata in pillole’ che ha come obiettivo quello di proporre notizie e facili esempi di uso dell’informatica per la didattica delle varie discipline. C’è particolare attenzione agli strumenti gratuiti, collaborativi e basato sul web”.

Moltissimi già gli articoli proposti e le iniziative in essere. In particolare segnaliamo il convegno del 25 Maggio 2019 a Firenze, presso l’istituto comprensivo di Coverciano durante il quale si parlerà di dipendenza dalle nuove tecnologie, rischi, virtuosismi e molto altro.

A contatto con psicologi, esperti di comunicazione guideranno i partecipanti verso l’uso consapevole delle nuove tecnologie. Insegnanti e docenti universitari metteranno a fuoco l’uso virtuoso delle nuove tecnologie, quello che fa emergere le competenze e la creatività mettendo da parte l’uso passivo e convulsivo.

All’evento parteciperà lo stesso Amato con un intervento dal titolo: “Coding: la creatività e il problem solving nell’era digitale, finalizzato a mettere in evidenza l’uso delle tecnologie per imparare a risolvere problemi.

Leggi anche: Scandalo di Palermo, Ecco l’immagine incriminata che ha fatto sospendere la Prof