Focus Autismo

Lezioni in classe per aiutare il compagno con la sindrome X Fragile. La bellissima idea a Giugliano

Lezioni in classe per aiutare il compagno con la sindrome X Fragile. La bellissima idea a Giugliano

Di Laura Soria

Vi sto per raccontare una mattinata memorabile in una scuola davvero fantastica!
Non mi va di parlare di “progetto d’inclusione” perché questa dovrebbe essere non un eccezione ma la regolarità della nostra realtà e non un evento fine a sè stesso solo per dimostrare “l’inclusione” di una giornata.

In una classe dell’istituto paritario Marianna di Giugliano in Campania, c’è Raffaele con la sindrome dell’X fragile ed i suoi due gemelli. La loro mamma Simona ha ben pensato di far partecipare la sua amica-maestra Alessandra e l’insegnante di Raffaele, Claudia, al progetto “Formazione X inclusione” permettendole di conoscere approfonditamente le peculiarità della sindrome dell’X fragile.

Insieme, Simona ed Alessandra, hanno deciso così , di introdurre in un progetto di scienze che riguarda proprio la sindrome. Durante le ore dedicate al progetto si è quindi discusso dell’anomalia genetica del Cromosoma X (Xfragile) e del Quadrifoglio, anche’essa un’anomalia genetica, che sono proprio i caratteri eccezionali di queste particolari rarità che li rendono eccezionali proprio come chi ha la sindrome dell’Xfragile.

I bambini hanno avuto la possibilità di conoscere attraverso il progetto di scienze la peculiarità del loro amico Raffaele. Le maestre, sono state davvero fantastiche perché in questo modo hanno formato i loro “cuccioli” non soltanto affinando il loro profilo scolastico ma anche e soprattutto quello umano, in cui non esiste la “diversità “ ma la conoscenza, la formazione, la professionalità e l’imparare a conoscersi.

I bambini sono delle spugne e la loro educazione dipende da Noi. Ringrazio Simona, Alessandra, Claudia, l’istituto paritario Marianna, che hanno dato un esempio di crescita attraverso la conoscenza ma soprattutto l’amore!

Continuate a far in modo che questo non sia un “progetto d’inclusione” ma un percorso della vita di tutti, in questo modo state fornendo a questi ragazzi strumenti per un ottimo percorso di vita. Noi siamo tutti diversi, le diversità tra individui sono quelli che rendono il percorso interessante, sebbene ciò possa spaventare perché quello che non è simile a noi spesso ci è sconosciuto.

“L’amore non sta nell’altro, ma dentro noi stessi. Siamo noi che lo risvegliamo. Ma, perché questo accada, abbiamo bisogno dell’altro. L’universo ha senso solo quando abbiamo qualcuno con cui condividere le nostre emozioni.” (Paolo Coelho)

Continua a leggere

Continua a seguirci, basta un like a Più Donna