Fatti Esteri

Fantasma graffia bimba sul volto: Il video choc. Genitori terrorizzati. Guarda

Fantasma graffia bimba sul volto: Il video choc. Genitori terrorizzati. Guarda

E’ vero o falso? Il video di un fantasma ripreso da una telecamera posta sulla culla di un bimbo sta facendo il giro del web. A diffondere il filmato una coppia di Highland in Michigan, Heather Brough e Joshua Higgins, che affermano – loro stessi – di non poter credere a quello che hanno visto. Sembra la scena di un film horror, come Paranormal Activity in cui una creatura terrificante tormentava gli abitanti di una villetta. Pare che stia avvenendo la stessa cosa nella villetta della famiglia Higgings.

I due coniugi hanno permesso al reporter di Wxyz.com di entrare nella loro casa per raccogliere la loro testimonianza, e cioè che una strana figura, somigliante ad un’ombra (o un fantasma) è stata ripresa dalla “nanny cam”, la telecamera di sorveglianza installata sulla culla della figlia di appena un anno, che vive in una stanza vicina alla camera dove dorme la coppia. E se non bastasse il documento video a destare paura o almeno stupore, c’è un altro particolare che rende questa storia (se vera) ancora più inquietante.

La bimba avrebbe dei segni sul volto, dei graffi, fatti dal presunto fantasma, di questo è convinto il papà della piccola Lyly, che dopo aver visto il filmato non lascia la bimba sola neanche un minuto. Ed ora la paura sta prendendo il sopravvento, tanto che la famiglia sta cercando un’altra casa in cui trasferirsi. Paura che potrebbe aver generato sensazioni illusorie. “Una mattina mi sono svegliato e mi sono sentito come se le mani di qualcuno fossero al mio collo” ha raccontato l’uomo che ha aggiunto altri particolari a questa storia. “L’uomo che ha vissuto in questa casa prima di noi, si è suicidato saltando fuori da questa finestra”. In attesa di trovare i soldi necessari per lasciare la casa, gli Higgins, si sono rivolti ad un team di investigatori del paranormale nel tentativo di cacciare il fantasma e proteggere la bimba.