Gossip

Lady Diana, Camilla Parker e la minaccia di morte: “Ho chiamato qualcuno per ucciderti”

Lady Diana, Camilla Parker e la minaccia di morte: “Ho chiamato qualcuno per ucciderti”

Il grande conflitto di Lady Diana e Camilla Parker con una minaccia di morte arrivata al culmine della disperazione. Di cosa stiamo parlando?

Due donne che rimarranno nella storia Lady Diana e Camilla Parker, entrambe legate al Principe Carlo e con un passato burrascoso. Ma una minaccia di morte mai rivelata ha scioccato interamente gli inglesi – e non solo.

Il rapporto di Diana e Camilla

Camilla Parker e Diana Spencer, due donne che il destino ha portato loro ad incontrarsi e scontrarsi a causa dell’amore per il Principe Carlo e il profondo odio di una contro l’altra.

Oggi Camilla ha preso quel posto che forse gli sarebbe spettato tanti anni prima, se solo non fosse che Diana fu considerata la donna perfetta nel ruolo di moglie per un erede al trono. Ma al cuor non si comanda e Carlo è sempre stato innamorato della Parker, facendo vivere un inferno alla povera Diana – che ha avuto un epilogo tragico e triste.

Vi abbiamo già rivelato della loro litigata ma emerge un altro tassello, ovvero la minaccia di morte che ha scioccato tutti quanti.

La minaccia di morte

Il Daily Mail aveva preannunciato alcuni stralci della biografia ufficiale di Camilla, scritta da Penny Junor. Tra le tante rivelazioni c’è quella più tremenda che riguarda la minaccia di morte e lo “stalking”.

Nel 1991 Diana rivelò ai giornalisti del suo periodo legato ai disturbi per bulimia e alla profonda crisi del suo matrimonio: proprio in quel momento la vita di Camilla cambia  tanto che lei si dovette barricare in casa.

Nella notte, racconta Junor all’interno del libro – la Parker riceveva molte telefonate minatorie e non ci mise molto a riconoscere la voce che era proprio di Diana Spencer. Per molti mesi le chiamate intimidatorie furono sempre le stesse:

“HO MANDATO QUALCUNO AD UCCIDERTI. SONO FUORI DAL TUO GIARDINO. LI VEDI?”

Il tutto è stato poi confermato da un amico di famiglia, che confermò di come Diana da vittima stesse passando dalla parte del torto.