Salute

Torta che provoca paralisi nei bambini venduta nei supermercati italiani? Ecco la verità sulla torta al luppo

Torta che provoca paralisi nei bambini venduta nei supermercati italiani? Ecco la verità sulla torta al luppo

Halloween è ormai alle spalle, eppure c’è ancora chi si ostina a fare dolcetto o scherzetto. Virale un video di Whatsapp che mostra come alcuni dolciumi provenienti dalla Turchia, presentino delle vere e proprie pasticche che provocherebbero paralisi. Il condizionale però qui è d’obbligo, e infatti alla parola torta al Luppo, c’è già chi associa un’altra parola dal significato incontrovertibile: bufala.

Torta dalla Turchia, bufala o verità?

Sui social, Facebook e WhatsApp in particolare, si sta facendo incetta di condivisioni di un video che mostra dei dolci provenienti dalla Turchia (si dice), denominati Torta Luppo con tanto di pasticche al suo interno. Tali pasticche avrebbero inoltre un effetto paralizzante sul corpo umano.

Ma da dove nasce questa notizia? Come dicevamo, ancora una volta sono i social a fare tabula rasa della verità. A quanto pare infatti, non esiste alcuna allerta alimentare proveniente dalla Turchia, semplicemente perché il prodotto in questione non è in vendita dalle nostre parti. Inoltre, che sia davvero pericoloso e provochi la paralisi, è tutto da dimostrare, e crediamo sia una bufala anche questa.

Nessun avviso o allerta infatti si legge sul sito del Ministero della Salute e ancora una volta qualche buon tampone ha pensato di prendere un video, tradurlo alla buona in italiano (per torta infatti si intende probabilmente merendina, ma il traduttore non deve avere molta dimestichezza con la nostra lingua) e scatenare il panico. Panico che, lo ripetiamo, puzza incredibilmente di bufala.

Continua a leggere



Per restare sempre aggiornato, aggiungi ai tuoi contatti su smartphone il numero 3512269204 e invia un messaggio WhatsApp con testo “NEWS”. Il servizio è completamente gratuito! In qualsiasi momento sarà possibile disdirlo inviando un messaggio con testo “STOP NEWS” allo stesso numero.

Seguici, basta un like!