Cucina

Piadina romagnola come al chiosco: ecco come prepararla all’ultimo momento

piadina

Nessun cibo come la piadina rappresenta le calde ed afose 🌞 vacanze estive trascorse sulle spiagge romagnole e le lunghe code davanti ai tipici chioschi in attesa di gustarla bollente con le sue saporite e colanti farciture.

Così come affermato da Giovanni Pascoli  la piadina è “il pane, anzi il cibo nazionale dei Romagnoli”.
Facile, veloce e senza tempi di lievitazione, è ideale da preparare all’ultimo momento in sostituzione del pane. Consiste infatti in una sottile focaccia con impasto di farina di grano, strutto o olio di oliva, bicarbonato o lievito, sale e acqua; cotta su un disco di terracotta o metallo, il “testo”. Pur essendo tipica della Romagna è ormai diffusa in tutta l’Italia e all’estero.

La vera piadina romagnola o piada, si prepara seguendo il rigoroso disciplinare del “Consorzio di Tutela e Promozione della Piadina Romagnola IGP”, che ne stabilisce i requisiti: dimensioni, materie prime obbligatorie, preparazione dell’impasto, porzionatura e laminatura, cottura, raffreddamento, confezionamento. È vietata l’aggiunta di conservanti, aromi e/o altri additivi.

Sono previste due tipologie di piadina romagnola: la “classica”, compatta, friabile e spessa e la “Riminese”, morbida, sottile e flessibile, di diametro maggiore.

piadina romagnola piadina

LEGGI ANCHE—> Pranzo in spiaggia: le ricette veloci e con poche calorie per la giornata al mare

Provate ora a preparare la piadina romagnola, sarà ottima da mangiare in queste giornate estive!

ingredienti:

  • 500 g farina,
  • 250 g acqua fredda,
  • 50 g strutto,
  • sale dolce di Cervia, 1 cucchiaino
  • di zucchero, 1 pizzico
  • lievito per focacce istantaneo, 1 cucchiaino

Mettete tutti gli ingredienti in una ciotola, planetaria o Bimby®  vel. spiga, ed impastate bene ed a lungo finché l’impasto sarà omogeneo; dividete l’impasto in 8 pezzi e formate delle palline che metterete su di una spianatoia. Con un mattarello stendete l’impasto tra due fogli di carta forno, fino a formare una piadina sottile, dello spessore e del diametro che preferite. Proseguite quindi la lavorazione per tutte le piadine ed impilatele divise da fogli di carta forno. infine cuocetele sull’apposito testo in ferro o in una padella antiaderente, una ad una da entrambe le parti, per pochi minuti fino a che si formano le bolle di cottura. Impilatele in un piatto e procedete alla farcitura che più vi piace!

Intramontabile è la classica farcitura con il  formaggio squacquerone, cremoso che si squaglia nella piadina bollente, prosciutto crudo e rucola.

Tra le infinite varianti per la farcitura della piadina romagnola, ne suggeriamo alcune, classiche o più leggere:

Bresaola, Rucola, Grana – Crudo, Mozzarella, Pomodoro, Lattuga – Cotto, Mozzarella, Funghi – Cotto, Edamer – Speck e Fontina – Tacchino, Squacquerone, Pomodoro, Lattuga – Bresaola, Squacquerone, Zucchine grigliate, Crema all’aceto balsamico – Salmone, Provola affumicata, Maionese, Lattuga – Cotto, Brie, Lattuga.

Per i forti di stomaco suggeriamo la nostra “piadina millesapori” che contiene proprio di tutto: Tonno, Mozzarella, Pomodoro, Origano, Maionese, Prosciutto Cotto, Ketchup, Uovo fritto o strapazzato, Insalata, Salsiccia.

ricetta dal blog Caos&Cucina

piadina

LEGGI ANCHE—>Lo Sfincione siciliano, Svelato il segreto: “Due farine e doppia lievitazione”. Ecco la focaccia friabile e croccante più buona che c’è

Ti è piaciuta la ricetta? Condividila e manda le tue foto nel gruppo Facebook: Le ricette consigli e trucchi degli chef, continua a seguirci sui nostri profili  Su Facebook anche su INSTAGRAM 

piadina romagnola