Fatti

Trema L’italia: Forte scossa nella notte, tutti in strada facendo mattina. “Sembrava ci stessero bombardando

Trema L’italia: Forte scossa nella notte, tutti in strada facendo mattina. “Sembrava ci stessero bombardando”. Trema ancora la terra in Italia: una scossa di terremoto di magnitudo 3.1 è stata registrata poco prima delle 19 nel pordenonese, ed ha causato un forte spavento tra la popolazione. La scossa, è stata preceduta da un forte boato, tanto che qualcuno ha scritto sui social “sembrava che ci stessero bombardando”.

La scossa è stata registrata dall’OGS, l’Istituto di Geofisica e Vulcanologia di Trieste e dalla Protezione civile Fvg, con epicentro a Cavasso Nuovo. Allerta anche tra i vigili del fuoco, ai cui centralini sono giunti numerose chiamate. Il sisma è stato avvertito in tutta la zona, anche a Maniago e in tutta la pedemontana pordenonese e nella zona montana.

Nessun danno e nemmeno segnalazioni da strade, edifici, palazzi e ovviamente persone: il terremoto c’è stato, il boato pure, ma di problemi grossi la comunità friulana per fortuna non ha dovuto affrontarli. I dati prodotti dal centro nazionale INGV mostrano un sisma con ipocentro situato a circa 13 km di profondità sotto il livello del terreno, mentre come epicentro i comuni “toccati” dal terremoto sono stati i seguenti: Cavasso Nuovo, Meduno, Fanna, Frisanco, Sequals, Arba, Maniago, Travesio, Vajont, Tramonti di Sotto, Castelnuovo del Friuli.

Sempre vicini al terremoto avvenuto con grado M 3.1 poco prima di cena, ma con distanza dall’epicentro oltre i 10 km anche i comuni di Montereale Valcellina, Clauzetto, Tramonti di Sopra, Andreis, Pinzano al Tagliamento, Spilimbergo, Vivaro, Vito d’Asio, Forgaria nel Friuli, Ragogna, Barcis, Dignano, San Giorgio della Rinchivelda, San Daniele del Friuli, San Quirino.

Secondo quanto riportato dal Messaggero, l’allerta scattata nei comuni adiacenti all’epicentro è stata trasmessa ai vigili del fuoco con le centraline che sono state prese d’assalto nei primissimi minuti successivi alla scossa. Nessun danno, ma tra Maniago e la pedemontana di Pordenone, le segnalazioni di scosse e vibrazioni sono state molteplici: non ci sono state altre scosse successive e dunque non siamo in presenza, per ora, di uno sciame sismico nella zona friulana vicina al Vajont.

Da segnalare nelle ultime ore solo una scossa di terremoto a grado M 2.3 nel Tirreno Meridionale, lontano 85 km dalla provincia di Cosenza: ovviamente, niente danni né segnalazioni, ma resta la paura dopo le scosse che hanno alzato il livello di guardia nelle scorse 36 ore.

Continua a leggere

Per restare sempre aggiornato, aggiungi ai tuoi contatti su smartphone il numero 3512269204 e invia un messaggio WhatsApp con testo “NEWS”. Il servizio è completamente gratuito! In qualsiasi momento sarà possibile disdirlo inviando un messaggio con testo “STOP NEWS” allo stesso numero.

Seguici, basta un like!