Mamma Scuola

Bullismo e Cyberbullismo: come proteggere i nostri figli sul web quando non sono a scuola

Con l’emergenza Coronavirus, bambini e i ragazzi non sono a scuola a causa della quarantena, ormai da diverse settimane. Oggi più che mai l’Italia si ritrova a vivere un momento difficilissimo, per studenti, famiglie e lavoratori, che devono affrontare un cambiamento radicale nell’organizzazione della vita a causa della pandemia da Covid-19.

Ma cosa sta succedendo riguardo il fenomeno del bullismo e del cyberbullismo?

Se per un primo tempo, i ragazzi potevano incontrarsi in aree ludiche, pur rispettando le normative in vigore (tenersi almeno ad un metro di distanza, evitare contatti fisici ed assembramenti), ad oggi questo non è più possibile. Tutti gli italiani hanno l’obbligo di restare a casa, avendo la possibilità di uscire solo per andare a fare la spesa, per visite mediche improrogabili o per procurarsi beni di prima necessità. Insomma, per il minimo indispensabile!

In questa situazione i ragazzi restano a casa ed è inevitabile che trascorrano più tempo su internet, al computer, con lo smartphone e sui social network. Non bisogna, oggi più che mai, sottovalutare gli aspetti pericolosi che riserva la rete. E’ qui infatti che si annida, ancor di più, lo spettro del Cyberbullismo.

I ragazzi sempre più sui social network

L’impossibilità di andare a scuola, al parco, a fare sport, di uscire la sera o al pomeriggio, ha fatto letteralmente spostare il fenomeno del bullismo online: i social network e le chat sono diventati i primi strumenti per mantenere il contatto con gli altri e sono diventati anche il primo veicolo di insulti e bullismo virtuale.

I ragazzi sono più esposti in rete, hanno più tempo libero da trascorrere sui social network e anche chi è già vittima di bullismo, potrebbe finire con l’esserlo anche sul web. Epiteti e aggressioni verbali non si azzerano solo perché gli adolescenti e i bambini non vanno a scuola: possono infatti trasferirsi sulle chat private e sui social network.

I dati parlano chiaro: il fenomeno del cyberbullismo è sempre più invasivo. Secondo un sondaggio condotto dall’UNICEF, attraverso la piattaforma U-Report, 1 studente su 3 ha vissuto esperienze di cyberbullismo. E ben il 71% degli intervistati ritiene che il bullismo si verifichi soprattutto sui social.

Ed è proprio a tal proposito che snodiamo altri dati raccolti proprio dall’UNICEF:

  • Il 32% pensa che a porre fine al cyberbullismo dovrebbero essere i governi;
  • Il 31% ritiene che alla risoluzione dovrebbero pensarci i giovani stessi con azioni specifiche di sensibilizzazione;
  •  Il 29% ritiene che debba essere un’azione fatta congiuntamente da tutti gli utenti web.

E allora come possiamo difendere i nostri figli?

Un’app può aiutarci in questo: si tratta di Keepers.

Keepers è un’app di parental control, permette quindi ai genitori di monitorare la presenza online dei figli, avvisandoli in tempo reale qualora quest’ultimi ricevessero contenuti offensivi o pericolosi. Minacce, parolacce, insulti, frasi negative, vengono subito rilevati da Keepers che avvisa prontamente il genitore con una notifica.

La privacy dei ragazzi viene rispettata: Keepers non legge le chat ma solo le parole che possono ricondurre ad aggressioni, insulti e frasi irrispettose o che fanno trasparire un tono aggressivo riconducibile al bullismo, che si tramuta quindi in Cyberbullismo.

Leggi anche: Al Via Il Maxi Bonus Figli: 500 euro per ogni figlio in età scolastica, 1200 euro per figli con disabilità. ECCO IL BANDO 

Oggi più che mai, Keepers rappresenta un supporto importante per tutti i genitori, ancora più presi da mille preoccupazioni legate alla difficile situazione attuale.

Scopri come Keepers può aiutarti a combattere il cyberbullismo! Scarica l’app a QUESTO LINK.

Per continuare ad avere news su Uomini e Donne, gossip, ricette e tanto altro, seguiteci anche sui nostri profili  Su Facebook anche su INSTAGRAM  cliccando su questo link 

Follow me on @mariagraziaceraso