Focus Autismo

Coronavirus: la Fondazione Istituto Antoniano lancia #SOSTENIAMOCIINRETE

 

“Al fianco delle famiglie, sosteniamoci in Rete” è lo slogan che la Fondazione Istituto Antoniano ha scelto come motto dell’anno 2020 a supporto di ogni sua iniziativa. È per questo che oggi, a seguito dell’emergenza Coronavirus, lancia attraverso i suoi canali l’hashtag #SOSTENIAMOCIINRETE: sul sito ufficiale (www.istitutoantoniano.it) a partire da questa sera saranno presenti notizie adatte a fronteggiare l’emergenza; collegandosi, poi, alla pagina Facebook del centro (https://www.facebook.com/FondazioneIstitutoAntoniano/) chi vorrà potrà reperire diversi link specifici per poter, almeno in parte, svolgere dalle proprie abitazioni le attività quotidiane.

“Il senso è di stare vicino alle famiglie in questo momento così particolare e di dare loro un aiuto in maniera concreta, fornendo delle attività sia di gioco che di tipo più specificamente educativo da sviluppare a casa con i figli e informazioni utili e aggiornate” – spiega il direttore sanitario, Goffredo Scuccimarra. – “Per gioco parliamo di riciclo di materiale povero e di altri laboratori, mentre l’aspetto educativo può riguardare lo sviluppo di alcune funzioni, ad esempio con consigli su come incentivare il linguaggio e la manipolazione”.

 

La proposta fa seguito all’ordinanza regionale del 13 marzo scorso che impone la sospensione di tutti i servizi sociosanitari territoriali, anche privati, e rappresenta un ulteriore sforzo, da parte della Fondazione, per mantenere quel “filo d’amore” invisibile che lega gli operatori agli ospiti.

Da oltre 60 anni, l’Antoniano è una presenza significativa sul territorio, sia da un punto di vista socio-educativo che socio-sanitario, proponendosi come presidio di riferimento per la tutela del benessere delle persone in difficoltà e come opportunità di formazione e di aggiornamento tecnico per il personale implicato nei processi dell’intervento; attraverso le sue diverse sedi, tra Ercolano e Portici, svolge prestazioni altamente qualificate in favore di persone disabili o in condizione di disagio sociale.

Continua a leggere altre notizie su Piudonna.it e dal tuo cellulare su Facebook, Instagram e Google News.