Scuola

Il Grembiule diventa argomento di Stato: Lite tra Di Maio e Salvini sull’annosa questione. Cosa si sono detti

 

Il vicepremier Luigi Di Maio, nel corso di un’intervista rilasciata a vari organi di stampa, ha voluto toccare l’argomento ‘grembiule’, tirato in ballo dal ‘collega’ di Governo, Matteo Salvini, in occasione di un suo comizio elettorale tenutosi a San Giuliano Terme (Pisa). Il leader del Movimento 5 Stelle ritiene che ci siano cose più importanti da risolvere in ambito scolastico che pensare ai ‘grembiulini’.

Salvini e la questione ‘grembiule’: Di Maio ‘Lavoriamo prima al Welfare familiare’

‘Ho visto che Salvini parla di grembiulino a scuola – ha dichiarato Luigi Di Maio – Io sinceramente il dibattito sul grembiulino lo vedo come un dibattito che può scatenare anche un po’ di discussioni nel Paese.
Ma allo stesso modo facciamo in modo che le famiglie possano comprare scarpe, pastelli e quaderni ai propri bimbi quando li mandano a scuola. Quindi, lavoriamo prima al Welfare familiare – ha sottolineato Di Maio – e poi parliamo del grembiulino’.

Di Maio: ‘Mai discusso con la Lega di poltrone’

Di Maio ha parlato brevemente anche della situazione politica in Italia, a pochi giorni dalle elezioni europee. ‘Io credo che in questi mesi non abbiamo mai parlato di poltrone e lo abbiamo dimostrato. – ha affermato il leader del partito pentastellato – Adesso c’è un po’ di tensione per una poltrona, quella di Siri, ma non abbiamo mai discusso di rimpasti, di sedie, di poltroni o di ministeri.
E questo mi ha sempre fatto apprezzare la Lega, perché al di là delle diversità che abbiamo, in questi mesi abbiamo lavorato sempre su fatti concreti e se non ne abbiamo parlato sino ad ora non mi aspetto che si parli di poltrone dopo le elezioni europee’.