Scuola

Scuola in lutto per la maestra Anna Maria: Prima di morire l’ultimo gesto che ha salvato altre vite

San Benedetto del Tronto (Ascoli), 6 maggio 2019 – Triplo prelievo di organi, all’alba di ieri, nell’ospedale Madonna del Soccorso di San Benedetto. Era già iscritta all’Aido (Associazione Italiana Donatori Organi) la maestra in pensione, Anna Maria Novelli, 76 anni, molto conosciuta a San Benedetto e anche in Ascoli, che era ricoverata nel reparto di Rianimazione dell’ospedale rivierasco a seguito di un’emorragia cerebrale che non le ha lasciato scampo.

L’equipe chirurgica dell’ospedale Torrette di Ancona le ha prelevato il fegato, i reni e le cornee, che sono stati inviati rispettivamente presso il Centro Trapianti del Torrette di Ancona (fegato e reni) e alla Banca degli Occhi di Fabriano.

Il prelievo è stato possibile innanzitutto grazie all’enorme gesto di solidarietà della maestra e dei suoi familiari, che hanno accettato la procedura, in base alla quale sono scattate le complesse attività che hanno coinvolto l’equipe chirurgica del Centro Trapianti di Ancona, il personale del Crt Marche di Ancona, che coordina l’intero processo organizzativo, dall’alert donazione alla consegna dell’organo per il trapianto, del Nitp di Milano, (North Italy Transplant Program), dell’Anatomia Patologica di Ascoli Piceno e il personale sanitario dell’ospedale di San Benedetto, che ha efficacemente gestito una procedura lunga e complessa, come può essere un prelievo multi organo.

Grazie alla generosità della maestra e dei suoi familiari, altre persone hanno ora nuove prospettive di vita. La maestra Anna Maria Novelli apparteneva a una famiglia molto noto sulla Riviera delle Palme e non solo.

Leggi anche: Scuola a lutto: Addio alla maestra Antonietta: “Aveva scritto una poesia ai suoi bimbi prima di morire”

Il fratello Renato, ex docente universitario della Facoltà di Economia di Ancona, ha anche collaborato con le strutture turistiche di San Benedetto. Il nonno era Giovanni Tebaldini, organista, compositore, musicologo e direttore d’orchestra di fama nazionale, tanto che il comune di San Benedetto gli ha intestato l’Auditorium del palazzo municipale di viale De Gasperi.

Si è trattato del primo prelievo multi organo di quest’anno. L’ospedale di San Benedetto ha un’ottima collaborazione con il centro trapianti della Regione Marche e con il Nitp di Milano. L’anno scorso furono eseguiti tre prelievi multi organi e fra questi un donatore con le stesse caratteristiche di Anna Maria Novelli, anche lui aveva 76 anni e gli furono prelevati fegato, reni e cornee. La media annuale oscilla fra i due e i tre prelievi multi organo ogni anni.