Cucina

Spaghetti allo “Spunzillo”: La vera ricetta della tradizione napoletana con i trucchi di nonna Maria

spaghetti spunzillo

Spaghetti allo “Spunzillo”, il piatto tipico della tradizione Napoletana. Profumatissimo, colorato e saporito. Andiamo a Napoli, città del sole e dei sapori di una volta. La cucina povera che diventa ricca grazie a quegli ingredienti ricercati e saporitissimi. Lo Spunzillo o spungillo, è il classico pomodorino del piennolo, pomodorino tipico delle zone Vesuviane. Insieme al basilico ( una grande manciata) e il formaggio grattugiato, insieme ad un olio buono, il piatto più povero che c’è, diventa il più buono, semplice e profumato. La ricetta è tratta dal blog Portanapoli.com

Dosi (indicative) per 4 persone
Come al solito, per queste ricette semplici, le dosi non sono mai “tassative”, ma si può sempre variare leggermente in base ai propri gusti ed al proprio… appetito!

INGREDIENTI DEGLI SPAGHETTI ALLO SPUNZILLO

  • 360 gr di spaghetti
  • 400 gr di pomodorini
  • 1-2 spicchi d’aglio
  • 5 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • 8-10 foglie di basilico, più alcuni ciuffetti per decorare il piatto
  • Sale

PREPARAZIONE:

Mettere a bollire l’acqua per la pasta. Ne frattempo imbiondire l’aglio in un tegame in cui è stato versato olio d’oliva extravergine (EVO) e quando sarà ben dorato, rimuoverlo. Aggiungere i pomodorini tagliati in due (o quattro, dipende dalle dimensioni) e far rosolare a fuoco vivo per un paio di minuti rigirandoli continuamente con un mestolo di legno e quando saranno appassiti schiacciarli con una forchetta. Dopo aggiungere il sale, la metà del basilico, abbassare la fiamma, coprire con un coperchio e continuare la cottura del sugo ancora per qualche minuto.

Non appena l’acqua bolle, aggiungere il sale grosso e mettere a cuocere gli spaghetti. Scolare gli spaghetti al dente e versarli nel tegame, aggiungere le restanti foglie di basilico spezzettate con le mani e far insaporire per alcuni secondi amalgamando per bene il pomodoro con la pasta. Servire decorando ogni piatto con un ciuffetto di basilico ed uno/due pomodorini freschi tagliati a spicchi.

VARIANTI

Le indicazioni delle quantità nella ricetta sono del tutto indicative, perché questo è un piatto che si presta a molte variazioni, spesso regionali (si pensi all’uso dei pomodorini del piennolo), ma anche in base al gusto o disponibilità.

1. variante rossa, dietetica: se si vuole fare una bella salsa rossa, si può usare poco olio EVO ed abbondare con i pomodorini, che andranno cotti per almeno 7-8 minuti. Ricordarsi però di scolare molto bene la pasta, perché la salsa risulterà di per se già bella liquida, per la presenza dei tanti pomodori.

2. variante pomodorino schiacciato: altra possibilità è quella di abbondare con l’olio EVO, quasi come se si volesse fare un “aglio e olio”, aggiungere poi una manciata di pomodorini molto maturi che andranno schiacciati con le dita e fatti soffriggere nell’olio bello caldo soltanto per un paio di minuti. A questo punto si aggiungono gli spaghetti “sciuliarielli” (ossia non troppo scolati, come già spiegato nella ricetta degli spaghetti aglio e olio) e si fa saltare il tutto nella padella per 30 secondi a fuoco vivo. Questa variante è ottima per esaltare il gusto del pomodoro e quindi ideale se si hanno a disposizione i pomodorini del piennolo (noti anche come spunzilli o spungilli). Per chi le preferisce, possono andare bene anche le linguine per questa variante.

Continua a leggere Piuricette.it e iscriviti al gruppo Facebook Masterchef ricette e trucchi degli chef e mette un like alla pagina Facebook    di PiuRicette.it

LEGGI ANCHE—> La pasta e patate “Tirata tirata” napoletana: la vera ricetta della tradizione di Eduardo de Filippo

spaghetti spunzillo
spaghetti spunzillo